Cantina Nals Margreid incanta il “Wine Advocate” ~ Cantina Nals Margreid

Cantina Nals Margreid incanta il “Wine Advocate”

Una delle più influenti riviste internazionali dedicate al mondo del vino, il “Wine Advocate” di Robert Parker, ha di recente espresso grande apprezzamento per la Cantina Nals Margreid. In occasione della degustazione “Top Italian Wines”, tenutasi pochi giorni fa a Singapore, l‘esperta autrice Monica Larner è infatti rimasta piacevolmente impressionata dalla “straordinaria qualità” dei vini creati da Nals Margreid.
Il “Wine Advocate” è allo stesso tempo temuto e molto apprezzato dagli operatori del settore. I suoi giudizi, da una parte rappresentano un notevole aiuto per gli appassionati per riuscire ad orientarsi nel mondo dell’enologia, e dall’altra esercitano un’influenza non poco importante sull’immagine e i prezzi dei vini. “Per questo motivo è fondamentale per qualsiasi produttore riuscire ad ottenere giudizi positivi dalla rivista americana”, dichiara Gottfried Pollinger, direttore commerciale di Cantina Nals Margreid. Visti i risultati della degustazione “Top Italian Wines” di Singapore, l’apprezzamento del “Wine Advocate” nei confronti di Cantina Nals Margreid è ormai certo.

Monica Larner, corrispondente dall’Italia per la rivista, ha presenziato all’evento di Singapore dove ha potuto degustare i vini di moltissimi produttori italiani di alto livello, fra cui Gaja, Antinori, Jerman, Marchesi di Barolo e anche Nals Margreid che ha presentato i suoi vini territoriali Sirmian, Mantele, Magrè e Punggl. Sebbene abituati a ricevere valutazioni positive, i vertici della cantina sono rimasti particolarmente sorpresi dei giudizi espressi dall’esperta. Larner ha così commentato: “I vini raccontano dei loro territori d’origine e di una natura pura e genuina. Sono vini limpidi con una straordinaria persistenza aromatica e dalle grandi potenzialità. In particolare, il Pinot Bianco Sirmian incarna magnificamente il carattere alpino, in un modo che non mi era mai capitato di sentire prima d’ora. Sono davvero colpita“.    

Per Pollinger si tratta di un importante riconoscimento che premia il lavoro portato avanti da Nals Margreid negli ultimi anni: “La ricerca della migliore qualità è il principio che ci guida in tutte le fasi di produzione, a partire dalla coltivazione delle uve, fatta nel pieno rispetto della natura e dell'equilibrio biologico delle viti, all'attenta lavorazione in cantina. Siamo davvero felici che il nostro costante impegno sia stato riconosciuto da una delle più influenti riviste di vino al mondo”.
La direttiva europea 2009/136/CE (E-Privacy) regola l'utilizzo dei cookie, che vengono usati anche su questo sito! Acconsente continuando con la navigazione o facendo un clic su "OK". Ulteriori informazioni
OK